Archivi categoria: tacchi

Cresimata dai monaci

I monaci erano in astinenza sessuale da troppo tempo. Và bene la vocazione ma a tutto c'è un limite! Anni senza sentire l'odore di una donna, senza gustare la fica. Quando la bella e bionda Marianna, in invitanti calze bianche a rete autoreggenti, si presentò al Convento per una confessione, i frati, a cazzo durissimo, preferirono offrirle piuttosto una bollente cresima! Ma Marianna, gran porca ninfomane nell'indole, non disdegnò certo di prendersi cura di tutti quei bei cazzoni duri e vogliosi e se li godette in bocca, in fica e pure nel culo. Naturalmente la porcellona accettò di ottimo grado anche la penetrazione contemporanea di culo e vagina mentre succhiava infoiata un terzo tarello caldo. Eh si, Marianna quel pomeriggio ispirò una gang bang da paura! by caldosex















Cresimata dai monaci

I monaci erano in astinenza sessuale da troppo tempo. Và bene la vocazione ma a tutto c'è un limite! Anni senza sentire l'odore di una donna, senza gustare la fica. Quando la bella e bionda Marianna, in invitanti calze bianche a rete autoreggenti, si presentò al Convento per una confessione, i frati, a cazzo durissimo, preferirono offrirle piuttosto una bollente cresima! Ma Marianna, gran porca ninfomane nell'indole, non disdegnò certo di prendersi cura di tutti quei bei cazzoni duri e vogliosi e se li godette in bocca, in fica e pure nel culo. Naturalmente la porcellona accettò di ottimo grado anche la penetrazione contemporanea di culo e vagina mentre succhiava infoiata un terzo tarello caldo. Eh si, Marianna quel pomeriggio ispirò una gang bang da paura! by caldosex















Tradimento che tormento!

Un post dal sapore speciale dato che è il numero 2000! Un ringraziamento particolare a tutti i lettori del blog sparsi per il mondo.
Il mio nome è Sally. Credo di essere una ragazza carina, una biondina abbastanza sexy, ma non eccessivamente puttana evidentemente, dato che Romeo, il mio ex, trovò il modo di cornificarmi dopo una relazione durata quasi 5 anni. Si, lo ammetto, a letto non sono (almeno fino ad ora) la troia disinibita che di solito piace agli uomini. In bocca lo prendo raramente e nel culo ancor meno. Tuttavia, non per questo meritavo di ricevere delle corna così spudorate, così sfacciate! Tutta colpa di Giada, la nuova vicina prorompente che si insidiò all'improvviso nel condominio. Quel giorno maledetto ero andata a fare la spesa, quando tornai trovai quello stronzo insensibile di Romeo che se la sbatteva senza alcuna esitazione! Quei due non la piantarono di scopare nemmeno quando mi videro comparire nella stanza e, poco dopo, urlare. Ero rabbiosa, sconvolta, anche se non potetti far a meno di notare quanto lei fosse troia al punto da prenderlo spudoratamente perfino nel culo (restai turbata da tutto ciò). "Che maiala!" pensai. Ed io lì a inacidirmi il fegato, a incazzarmi come una belva inferocita: tradita, cornuta e delusa! Diamine! Quasi quasi voglio essere anch'io una grandissima troia d'ora in avanti e trombare con chi capita! Il tradimento che tormento... ma stavolta giuro che in bocca e in culo di sicuro lo prendo!!!       















Tradimento che tormento!

Un post dal sapore speciale dato che è il numero 2000! Un ringraziamento particolare a tutti i lettori del blog sparsi per il mondo.
Il mio nome è Sally. Credo di essere una ragazza carina, una biondina abbastanza sexy, ma non eccessivamente puttana evidentemente, dato che Romeo, il mio ex, trovò il modo di cornificarmi dopo una relazione durata quasi 5 anni. Si, lo ammetto, a letto non sono (almeno fino ad ora) la troia disinibita che di solito piace agli uomini. In bocca lo prendo raramente e nel culo ancor meno. Tuttavia, non per questo meritavo di ricevere delle corna così spudorate, così sfacciate! Tutta colpa di Giada, la nuova vicina prorompente che si insidiò all'improvviso nel condominio. Quel giorno maledetto ero andata a fare la spesa, quando tornai trovai quello stronzo insensibile di Romeo che se la sbatteva senza alcuna esitazione! Quei due non la piantarono di scopare nemmeno quando mi videro comparire nella stanza e, poco dopo, urlare. Ero rabbiosa, sconvolta, anche se non potetti far a meno di notare quanto lei fosse troia al punto da prenderlo spudoratamente perfino nel culo (restai turbata da tutto ciò). "Che maiala!" pensai. Ed io lì a inacidirmi il fegato, a incazzarmi come una belva inferocita: tradita, cornuta e delusa! Diamine! Quasi quasi voglio essere anch'io una grandissima troia d'ora in avanti e trombare con chi capita! Il tradimento che tormento... ma stavolta giuro che in bocca e in culo di sicuro lo prendo!!!       















Office scandal

Mi chiamo Eva e dirigo un'azienda di pubblicità. In ufficio i pettegolezzi non mancano, nessuno si fà i fatti suoi e qualcuno ci gode particolarmente a rivelare i retroscena della vita degli altri. Bisogna ammettere che gli scandali sono dietro l'angolo. Un giorno, aprendo l'email, trovai un video con relative foto allegate che ritraevano le gesta omoerotiche di due dei miei dipendenti, due bei ragazzi sensuali dotati e vogliosi coinvolti in un duetto davvero bollente ricco di 69, baci, pompini e focose inculate. Pensate che dopo aver visionato tuttò ciò sia rimasta scandalizzata? Direi piuttosto eccitata... e con la fica bagnata! E Voi? by caldosex 















Mi consolavo col compagno gay

Mi chiamo Mimmo. In classe le ragazze erano davvero carine ma non la davano facilmente. E così io e i miei compagni stavamo sempre a cazzo duro inappagati. E poi c'era Lello, un ragazzo gay. Lo chiamavano tutti "Lella" in tono offensivo e lo prendevano spesso in giro. Mi dispiaceva che lo trattassero male e lui apprezzò che non facevo come gli altri. Notai i suoi sorrisetti e capì di piacergli. Fu così che, di nascosto da tutti, lo invitai da me con la scusa dello studio. Sapevo che ci saremmo presto ritrovati nudi e che lui mi avrebbe succhiato divinamente il cazzo come in realtà fece. Sbocchinava meglio di una ragazza leccando perfino le palle. Fu splendido entrare col cazzo duro nel suo culetto e sfondarglielo perbene. Mentre i miei compagni speravano di ottenere invano la figa, io e "Lella" facevamo delle fantastiche scopate ed io stavo sempre rilassato pago del suo accogliente buco anale e della bocca deliziosa. Peccato che il sogno svanì di colpo quando mia madre, un giorno, ci beccò sul fatto... by caldosex  

















Office scandal

Mi chiamo Eva e dirigo un'azienda di pubblicità. In ufficio i pettegolezzi non mancano, nessuno si fà i fatti suoi e qualcuno ci gode particolarmente a rivelare i retroscena della vita degli altri. Bisogna ammettere che gli scandali sono dietro l'angolo. Un giorno, aprendo l'email, trovai un video con relative foto allegate che ritraevano le gesta omoerotiche di due dei miei dipendenti, due bei ragazzi sensuali dotati e vogliosi coinvolti in un duetto davvero bollente ricco di 69, baci, pompini e focose inculate. Pensate che dopo aver visionato tuttò ciò sia rimasta scandalizzata? Direi piuttosto eccitata... e con la fica bagnata! E Voi? by caldosex 















La barista con i bisex

Il mio nome è Ellen e lavoro in un bar. Il capo, che non c'è quasi mai, sfrutta la mia avvenenza fisica per attirare la clientela. Per questo motivo devo sempre stare in tiro in minigonna, autoreggenti e tacchi. Uomini e ragazzi presenti nel locale di solito fanno battutine e apprezzamenti e, naturalmente, lanciano occhiate maliziose a culo, tette e cosce. Ma quel giorno il bar era stranamente deserto a parte due ragazzi che si intrattenevano a bere vino rosso. Mi resi subito conto che non erano affatto dei morti di figa come altri. I modi piuttosto garbati con cui si rivolsero, senza la minima sbirciata alle cosce, mi fecero intuire la loro natura omosessuale. Si trattava di una coppietta. La fantasia mi si accese dal momento che avevo sempre sognato di "introdurmi" tra due gay e vedere come sarebbe stato. L'occasione si presentò lampante dal momento che, a un certo punto, i due si appartarono nella saletta in cerca di emozioni. Li beccai mentre uno dei due slinguazzava il pene dell'altro. Spiegai di aver capito le loro tendenze. Naturalmente mi chiesero cosa volessi ed io, da gran puttana, chiese di far loro compagnia. In meno che non si dica mi ritrovai a leccare il cazzo di uno insieme all'altro, poi ad assistere con interesse ed eccitazione al sesso orale tra di loro. Alzai la gonna, tolsi le mutandine in modo da farmela leccare da uno che a sua volta si lasciava succhiare il cazzo dall'altro. Poi, il ragazzo più scuro di carnagione inchiappettò l'altro che intanto mi leccava la patata sempre più bagnata. La coppietta era versatile sicchè, dopo, quello con la carnagione scura assunse il ruolo da passivo e si lasciò penetrare a candela mentre io gli stimolavo un pò il cazzo con le mani. La mia complicità e troiaggine fu molto apprezzata al punto che, quello con la carnagione chiara, adagiò il suo uccello nella sorca iperlubrificata e mi scopò mentre spompinavo l'amichetto. Continuò a fottermi mentre loro due si baciavano. Anche quello con la pelle scura volle farsi un giretto nella passera e affondò con il suo cazzo duro e voglioso mentre sbocchinava da paura il suo partner. Fu così che godemmo tutti e tre: io venni intensamente, il ragazzo con la pelle chiara eiaculò copiosamente in bocca all'amico che a sua volta riempì la figa già orgasmata di sperma. Dopo quella deliziosa fottuta in tre cercai di ricompormi un minimo, poi, tra il serio e lo scherzo, e per stemperare l'imbarazzo generale, chiesi candidamente: "Ragazzi vi porto il conto?". by caldosex