Archivi categoria: mistress

La direttrice matura sottomessa alla giovane segretaria

Mi chiamo Alessandra. Svolgevo il lavoro di segretaria presso uno studio commerciale. Il mio capo era una donna, la dottoressa Anna Del Magri. Fin dai primi giorni d'assunzione mi resi conto che la signora era una tipa particolare: piuttosto fredda con gli uomini, dispensava invece sorrisetti alle donne, me compresa. Non ci volle poi tanto a rendersi conto dei gusti sessuali saffici della Del Magri. All'inizio feci finta di non essere interessata alle sue occhiatine sexy anche perchè avevo un fidanzato ma poi pensai che, per la mia carriera, sarebbe stato bene essere disponibile con lei. Nel lavoro le piaceva essere risoluta e comandare ma nell'intimità era ben diversa. Lo constatai quando un giorno, a sorpresa, la trovai in autoreggenti e senza mutande a cosce aperte nell'ufficio. L'invito era fin troppo chiaro. Nuova a quel tipo di pratiche, ma sufficientemente troia per sperimentarle, mi inginocchiai tra le sue cosce leccandole accuratamente la fichetta depilata. Anna gradì quelle attenzioni poi, intrigata ed eccitata, volle assaggiare le mie fessure slinguazzandole mentre stavo a pecorina col pantalone mezzo calato. Mi sedetti sulla scrivania, allargai le cosce, e lasciai che lei continuasse a slinguazzarmi la bernarda: eccitata le spinsi anche la testa contro il mio sesso rovente. Ma Anna era piena di sorprese, non le bastava certo uno scambio di leccatine tra donne, e così tirò fuori lo strap-on. Voleva essere presa e così allacciai la cintura e, con sommo piacere, iniziai a castigarla a pecorina mentre lei si appoggiava sulla scrivania dell'ufficio. Affondai decisa in quella vulva eccitata nel dominare chi, nella vita di tutti i giorni, mi comandava a bacchetta. Continuai a farlo a missionaria, tra le sue urla goderecce. Poi mi sedetti sulla sua poltrona, quella del comando, e lasciai che lei si impalasse sul fallo a candela: fu proprio così che quella troia se ne venne irrorando di umori figali il cazzo finto. Un caldo bacio pose fine quel siparietto bollente al femminile dopodichè riprendemmo a lavorare come se nulla fosse accaduto :) by caldosex              















La mistress e il suo schiavo

mistress schiavo

L’immagine di sopra è tratta da un filmato, di genere femdom che mi ha segnalato Segaiolo: clicca qui per vedere il filmato. Nel corso del filmato al povero schiavetto ne succedono di tutti i colori, le prende con il cane ma non è la cosa peggiore che gli possa succedere perché viene sottoposto ad una pratica piuttosto umiliante, oltre che dolorosa: la sua mistress lo penetra con un fallo artificiale, con uno strapon.
Segaiolo intanto è alla costante ricerca di nuove mistress con cui vivere queste sue fantasie, chissà se ci sono mistress tra le lettrici di Perversionis disposte ad accontentarlo!

Puniti dalla dominatrice

La bella Sara, amante dei sandali col tacco e del reggicalze, se la contendevano il marito, Orazio, e l'amante, Filippo. Un giorno lei, stufa dei continui litigi tra i due e tendenzialmente dominatrice, decise di castigare con lo strap-on l'amante impalandolo a pecorina sotto gli occhi del marito. Poi fece succhiare a quest'ultimo l'uccello finto al sapore di culo appena sfondato e così punì entrambi.