Archivi categoria: Fantasie

Voglia di sconosciuto (Racconto)


Entrai nel supermercato accaldata per la torrida temperatura estiva. Una sferzata di aria fredda sparata dall’aria condizionata mi fece rabbrividire. Sentii i capezzoli inturgidirsi e li vidi sbucare impertinenti da sotto la camicetta. Non indossavo il reggiseno e sorrisi piacevolmente divertita dalla leggera carezza che lo sfregamento contro il delicato tessuto faceva al mio seno.
Mi diressi verso il banco frigo che stava vicino all’entrata e mi chinai per scegliere una confezione di prosciutto. Alle mie spalle distinsi chiaramente una voce maschile sbottare sommessamente:
«Porca vacca che culo!».
D’istinto mi voltai incuriosita e vidi un uomo mangiarmi il culo con gli occhi.  “Il mio culo ha fatto un’altra vittima!” pensai sorridendo, tornando con lo sguardo al banco degli affettati.
Avanzai lungo lo scaffale cercando quel formaggio che mi piaceva tanto, quando di sfuggita lo vidi ancora alla mie spalle. Fingendo indifferenza, quell’uomo continuava a squadrarmi il fondoschiena. Dopo un attimo di imbarazzo, realizzai che la cosa non mi dispiaceva affatto. Mi stuzzicava l’idea che quell’uomo, che tra l’altro mi sembrava anche di bell’aspetto, fosse rimasto così colpito dal mio culo.
Continuai  a girovagare all’interno del supermercato intenta a fare la spesa, ma ogni volta che mi giravo, lo vedevo dietro di me, a volte più lontano, altre più vicino, ma sempre con gli occhi fissi su di me con uno sguardo che lasciava capire bene che non vedeva l’ora di violare il mio didietro.
Anziché sentirmi minacciata o turbata, mi sentii sempre più intrigata da quell’uomo. Cercai di osservarlo con più attenzione e vidi che dimostrava una trentina d’anni come me, era fasciato in una t-shirt nera che metteva in risalto il fisico asciutto, e divertita notai che i jeans non riuscivano più a celare il suo pacco decisamente ingrossato.
A quella vista sentii l’eccitazione salire sempre più. Era un perfetto sconosciuto, per quanto ne sapevo poteva essere un maniaco pervertito o un assassino, ma in quel momento l’unica cosa che avrei voluto era andare da lui e stringere quel pacco nelle mie mani.
Sentii il battito accelerare e la mia fica inumidirsi e diventare sempre più impaziente di godere. Proseguivo fingendomi indifferente, ma continuavo a cercarlo e soprattutto, ogni mio gesto non era più rivolto alla spesa, ma a sedurre quello sconosciuto, così continuavo a riempire il carrello con articoli che si trovavano nei ripiani più bassi così che il mio culo sodo fosse ben esposto. Camminavo lentamente e non mancavo di lanciargli occhiate maliziose e infuocate.
Quel gioco stava diventando sempre più eccitante. “Chissà se il suo cazzo è davvero così grosso come sembra da quel pacco?” Pensavo sempre più arrapata, e già mi immaginavo di godere facendomi scopare da lui. Ma l’immaginazione non mi bastava. Io quel cazzo lo volevo davvero dentro di me, così cominciai a pensare a dove e come avremmo potuto sfogare i nostri bollori fino a quando scorsi in fondo al corridoio i camerini di prova.
“Perfetto!” Pensai. Dopo aver lanciato un’occhiata furtiva ma eloquente al mio inseguitore, abbandonai il carrello e mi infilai nello stretto corridoio che conduceva a quelle microstanzette separate fra loro da altrettante micro pareti che non ci avrebbero certo nascosto dagli sguardi e dalle orecchie indiscrete, ma volevo quel cazzo a qualunque costo.
Percorsi frettolosamente tutto il corridoio, entrai nell’ultima cabina e attesi. Restai immobile, impalata al centro della stanzetta e mi misi in ascolto. Sentivo il cuore in gola e la fica fremere e pulsare di eccitazione al pensiero che entro breve quelle mani l’avrebbero sondata e violata. Udii dei passi avvicinarsi e più si avvicinavano più sentivo il battito del mio cuore accelerare, poi sentii la tenda alle mie spalle spalancarsi freneticamente.
Le mie orecchie quasi non udivano altro che il battito impazzito del mio cuore. Quell’uomo ora era a pochi centimetri da me, ma restai immobile, non mi voltai per guardarlo e tenni gli occhi bassi per non vederlo riflesso nello specchio che avevo di fronte. In quel momento non volevo vederlo, volevo solo sentirlo.
Le sue mani non si fecero attendere e cominciarono a palpare il culo da sopra la gonna, poi scivolarono sulle cosce e sollevarono quel tessuto che ancora ci divideva. Le sue dita calde e ruvide affondarono avidamente nella mia carne, massaggiando e palpando le mie chiappe sode.
Brividi di piacere cominciarono a rotolarmi addosso quando le sue dita si avvicinarono alle mie mutandine. Infilò una mano nella camicetta e mi palpeggiò le tette attirandomi a sé, mentre con l’altra afferrò energicamente la mia vulva e la strofinò aumentando la mia eccitazione che già sentivo esplodere. Il suo cazzo duro era incollato al mio culo, ma era ancora imbrigliato nei jeans.
Appoggiai un piede sullo sgabello divaricando le gambe e cominciai a roteare il bacino contro il suo, mentre il mio respiro si fece più affannoso.
Le sue dita entrarono nelle mie mutandine e stuzzicarono ogni anfratto della mia fica vogliosa. La sua mano si riempì con i miei umori. Sentivo il suo petto gonfiarsi e sgonfiarsi sempre più velocemente e rantoli arrapati salire dalla sua gola.
Sfilò poi la mano dalla mia camicetta e si chinò fino ad avere la bocca pari al mio culo, spostò le mutandine a cominciò a leccarlo e a penetrarlo con la lingua. Quel contatto caldo, umido e tanto desiderato mi fece impazzire. Rovesciai il capo indietro, mi aggrappai alle pareti e cominciai a gemere in preda all’estasi. La sua lingua scivolava avanti e indietro fra il clitoride e il culo, variando la velocità e i movimenti. Quella lingua sembrava fatta apposta per farmi godere. Sembrava volesse mangiare la mia fica.
D’un tratto si alzò lasciandomi per un attimo disorientata, ma non appena sentii la fibbia della cintura tintinnare, mi girai di scatto fino a trovarmi di fronte a lui e allungai una mano sul suo pacco. Lo palpai prima attraverso i jeans, poi glieli sbottonai liberando il suo cazzo duro come il marmo. Sorrisi bramosa, era ancora più grande di quanto pensassi.
Con un gesto rapido mi fece girare nuovamente e mi attaccò al muro. Prese energicamente i miei fianchi e li attirò a sé avvicinando il mio culo al suo membro. Infilò due dita e cominciò a muoverle lentamente. Sentivo lo sfintere tirare per la forzatura. Scivolai con una mano dentro le mie mutandine e titillai il clitoride inondato dai miei umori. Il fastidio per l’intrusione si fece sempre più piacevole. Fece entrare un terzo dito e dopo poco il mio culo fu pronto per ricevere il suo cazzo.
Sfilò le dita e appoggiò la cappella nel buco ancora dilatato, lo sentii premere e farsi largo dentro di me. Con movimenti lenti attese che il mio culo si rilassasse. Il piacere che sentivo si fece sempre più intenso, incontenibile. Le mie dita continuavano a massaggiare il clitoride e a stuzzicare il buco della fica, mentre il suo cazzo mi penetrava sempre più velocemente.
Sentivo il piacere ovunque, un’unica zona orgasmica che prendeva ogni anfratto del mio basso ventre, tanto da non riuscire a capire quale parte mi desse più godimento, se il culo, la fica o tutti e due. Inarcai il bacino più che potei, le sue palle sbattevano contro la mia fichetta.
Godevo e godevo, avrei voluto contenere i miei gemiti per non richiamare una folla di curiosi, ma non ci riuscivo. Ero ebbra di piacere per quel cazzo sconosciuto che mi inculava come un forsennato dentro un microscopico camerino di un supermercato. Il godimento continuò a salire e salire fino a quando scoppiai in un dirompente orgasmo.
Aprii gli occhi e mi vidi riflessa nello specchio accaldata, scompigliata, con le tette di fuori e un sorriso soddisfatto stampato sul viso, mentre dietro di me l’uomo era impegnato a sfondarmi il culo con gli ultimi colpi fino a quando venne, riempiendomi col suo seme.
Restammo qualche istante immobili attendendo che i nostri respiri tornassero normali, poi uscì dal mio culo intorpidito e ci ricomponemmo.
Quando fu ora di uscire da quell’alcova improvvisata, scostò la tenda e indicandomi l’uscita disse:
«Dopo di te e dopo il tuo fantastico culo!».
Scoppiai in una fragorosa risata e seguii il suo invito. Uscendo dal camerino notai una coppia di coniugi che ci guardava. La donna con un’aria molto contrariata, mentre l’uomo aveva sul volto un’espressione decisamente divertita. Non mi curai di loro e proseguii nel mio giro di acquisti fino a quando sentii una voce famelica alle mie spalle:
«Mmm … che bel sederino!».