Archivi categoria: fantasia

La fantasia di Elisa

Questa fantasia ci è stata inviata da Elisa…chissà se la storia continua…

Era nel 1817 quando iniziai a 18 anni il lavoro di domestica in casa padronale,lui ricco maturo di poche parloe,la moglie betty 37 anni con 4 figli ,betty faceva la bella vita apparentemente,giocare in giardino,cavalcare quasi giornalemente nella tenuta del marito,qualche rara uscita di gala la sera.
Mi spiegarono le mie mansioni,lavoro ordine puntualità e massimo riserbo ,come primo impiego,non pagato molto ma almeno sfamata a quell’epoca nel sud della francia.mi prendevo cura con la cuoca in cucina,riordinavo stanza del ragazzo e delle ragazze,come portavo colazione a letto al signore per poi riordinare letto e spolverare arieggiare la loro enorme stanza al secondo piano.la loro terrazza dava sul giardino,adiacente la stanza del bagno,con la grande vasca dove portavo l’acqua calda due volte in settimana quando betty si lavava im mia presenza.Una cosa cremosa da parigi per i suoi lunghi capelli biondi,massaggiarle la testa lavandole i capelli,collegando poi lentamente vedendo dei segni ben marcati sul suo generoso posteriore e coscie capii a cosa servisse la corda ripiegata piu volte vista vicino al letto,segni che duravano anche 3-4 bagni prima di scomparire per poi ritornare ben presto.
Dopo mesi betty si fece anche lavare schiena e ovunque desiderasse,ovviamente ricordandomi il massimo riserbo di quello che vedevo e facevo,come ragazza non avevo visto mai una donna cosi nuda,una fessa cosi grande,pensai dopo 4 parti era normale,ma che anche il foro trà le chiappone fosse quasi socchiuso mi incuriosi molto….riordinando letto poi capi che le macchie asciutee sulle lenzuola erano sperma,che nella baccinella personale dove trovavo peli intimi dei signori capivo ben presto che spesso non dormivano molto la notte.Betty non amava suo marito,matrimonio per convenienza,lei bella lui ricco e sadico..
una mattina d’autunno come sempre alle 8 in punto mi presentai con il vassoio con la colazione per il signore,non avevo visto betty quella mattina,aprendo piano la porta la vidi cavalcare le gambe del marito,il pene grandissimo entro dentro completamente uscendo entarndo a ritmo veloce,dietro la grande tenda che separa la porta dalla camera osservavo incredula,il sedere della signora e nuovamente segnato,ma queta volta molto più forte,segni su tutto il sedere fianchi,non riuscivo quasi più a tenere il vassoio,non sapevo se andarmene se entrare.betty si tolse da quella posizione ringraziando il marito toccandoli il pene ancora semierretto..lui le disse,,vedi cara che le frustate ti fanno bene….e lei annui,,…..