Archivi categoria: erotismo

E’ solo sesso (Romanzo erotico – Capitolo 14)


«Ti amo»

Così, con quelle due semplici paroline sussurrate nel mio orecchio, si chiuse la telefonata con Eric.
Quei dolci verbi si agganciarono come un amo al mio cuore, e lottarono per riprendersi ciò che Patrick gli aveva portato via.
Eric come al solito era via per lavoro e io ero appena rientrata da Roma, dopo aver trascorso con Patrick la notte più trasgressiva della mia vita.
In poche ore avevo infranto tutti i limiti che ancora m'imbrigliavano. Avevo disintegrato ogni tabù e scoperto gli infiniti piaceri concessi solo a chi libera l'istinto senza pregiudizi e remore. Quella notte lo avevo fatto per la prima volta con una donna, con uno sconosciuto e avevo fatto l'amore con Patrick fino all'ultimo istante prima di fare ritorno alla vita di sempre. Al solo pensiero della sua carne gonfia di voglia dentro di me sentii la brama travolgermi nuovamente.

Eppure ero lì, seduta sul letto, distrutta dal sonno, avvolta dalla penombra e dall'odore di chiuso di una casa ultimamente troppo deserta, a sciogliermi per le dichiarazioni d'amore di mio marito.
Mi dividevo fra Eric e Patrick, ma in realtà li avrei voluti entrambi nello stesso letto insieme a me.
Più passava il tempo e più anche il solo pensare di privarmi di loro mi sembrava un abominio, una violenza, uno scempio contro natura, contro la mia stessa natura.
Sesso più sfrenato e dolcezza più sublime insieme, amore e desiderio fusi, talmente uniti da non distinguere più il confine fra l'uno e l'altro. Quanto amore c'era nella folle attrazione che provavo per loro? Quanto, in quella che loro sentivano per me?
Ero stanca, erano quasi ventiquattro ore che non chiudevo occhio, ma ero troppo inquieta per dormire. Decisi di farmi una doccia per rilassarmi un po'. Aprii le imposte, la brezza mattutina turbinò nella stanza scacciando l'aria logora che vi poltriva. La città dormiva ancora, immersa nella quiete irreale che precede il miracolo di un nuovo giorno. Mi parve di essere l'unico essere vivente sulla faccia della terra.
Mi spogliai gettando gli abiti sul letto e mi chiusi dentro la doccia.
L'acqua si tuffò sui miei capelli, mi solleticò i capezzoli e mi avvolse nel suo tepore. Sentii i muscoli sciogliersi e i nervi illanguidirsi sotto quel caldo massaggio.
Le parole di Eric mi ronzavano ancora nella testa, così come la sua voce calda e vellutata che mi faceva ancora fremere di desiderio come la prima volta che l'avevo sentita. Mi scivolava dentro come olio caldo e profumato che avvolgeva i miei sensi e penetrava nella mia carne fino a guizzare fra le mie cosce schiudendo le porte delle mie più segrete voglie.
La folle notte appena trascorsa non era bastata a quietare la mia fame. Ne volevo sempre di più, non ero mai sazia. Bastava un nulla: una voce, un oggetto, un profumo o un pensiero per accendermi di desiderio, e non avevo pace fino a quando la mia orchidea non era soddisfatta. Lei aveva sempre la meglio. Era lei a guidarmi, a soggiogarmi ed io non potevo fare altro che ubbidire ad ogni suo ordine. Ero sua schiava.
Mi piaceva guardarla. Ero incantata dalla perfezione dei suoi anfratti.
Dalla notte in cui Patrick mi aveva fatto fare l'amore con me stessa davanti allo specchio, non avevo più smesso.
Me lo mettevo fra le gambe e ammiravo il mio sesso in tutta la sua voluttuosa lussuria. Guardavo le mie dita scorrere attraverso quegli anfratti, aprire i petali luccicanti di dolce miele e sparire inghiottiti dai famelici pertugi.
La mia fame era diventata tale che li violavo con qualsiasi cosa stuzzicasse la mia fantasia. Mi eccitava vedere gli oggetti più impensabili entrare e uscire dalla mia carne, aprire la bocca fra le mie gambe e sfamarla con sapori sempre nuovi. Ogni superficie regalava sensazioni diverse: quelle più lisce scorrevano come imbrattate d'olio, quelle più ruvide o gommose rendevano la penetrazione più lenta e stimolante. Nessun oggetto era uguale all'altro.
Ai miei occhi, il mondo era colmo, pieno zeppo di giocattoli erotici. 
Quel mattino non feci eccezioni.
Allungai la mano fra le gambe e carezzai la pelle calda e bagnata del mio sesso. Un gemito schizzò dalla mia gola.
Carezzai delicatamente le ali ancora chiuse e impazienti di spiccare il volo. Un fremito mi colse quando sfiorai i famelici lembi che sbucavano fra i petali. La brama di godere mi voleva costringere a tuffarmi sul clitoride, ma volevo allungare il piacere il più possibile, come mi aveva insegnato Patrick. Non volevo un orgasmo sbrigativo che sicuramente non mi avrebbe soddisfatta, ma ne volevo uno dirompente, scioccante, esplosivo.
Afferrai le grandi labbra con una mano, il clitoride schizzò fuori avido di carezze. Lo picchiettai, poi scivolai con un dito fra le ali ingigantendo le mie voglie.
Il miele riempiva quei meandri lussuriosi insieme all'acqua. Appoggiai un piede al muro allargando le gambe, presi il microfono della doccia e lo puntai fra le mie cosce. Il getto colpiva con foga la mia pelle. Decine di piccolissime mani che colpivano il mio fiore dissetandolo come una provvidenziale pioggia estiva.
Mi sedetti a terra quasi sdraiandomi e sollevai il bacino. Il mio frutto era pronto per ricevere tutto il piacere possibile.
Puntai il getto sul clitoride. Un grido di piacere si levò nel silenzio. La foga dell'acqua mi lasciò senza fiato.
Picchiettava, massaggiava, scivolava fra i petali, carezzava le fessure come un'insaziabile amante.
Allargai le labbra donandomi completamente all'acqua e violai la mia fessura con due dita.
I miei gemiti riecheggiavano nel silenzio, ma non mi bastava.
Afferrai la spazzola dal portaoggetti e avvicinai il manico allo stretto e pulsante pertugio. Premetti opponendomi alla timida resistenza e lo varcai. L'estasi mi rapì.
Il piacere cresceva e cresceva, lento e inesorabile, e avviluppava ogni pensiero, ogni respiro, fagocitando le mie ansie, i miei dubbi, le mie domande senza risposta, le mie paure e mi riempì di delizia e stordimento, finché dilagai nel delirio di un orgasmo che mi svuotò di tutto.






E’ solo sesso (Romanzo erotico – Capitolo 14)


«Ti amo»

Così, con quelle due semplici paroline sussurrate nel mio orecchio, si chiuse la telefonata con Eric.
Quei dolci verbi si agganciarono come un amo al mio cuore, e lottarono per riprendersi ciò che Patrick gli aveva portato via.
Eric come al solito era via per lavoro e io ero appena rientrata da Roma, dopo aver trascorso con Patrick la notte più trasgressiva della mia vita.
In poche ore avevo infranto tutti i limiti che ancora m'imbrigliavano. Avevo disintegrato ogni tabù e scoperto gli infiniti piaceri concessi solo a chi libera l'istinto senza pregiudizi e senza remore. Quella notte lo avevo fatto per la prima volta con una donna, con uno sconosciuto e avevo fatto l'amore con Patrick fino all'istante prima di fare ritorno alla vita di sempre. Al solo pensiero della sua carne gonfia di voglia dentro di me, sentii la brama travolgermi nuovamente.
Eppure ero lì, seduta sul letto, distrutta dal sonno, avvolta dalla penombra e dall'odore di chiuso di una casa ultimamente troppo deserta, a sciogliermi per le dichiarazioni d'amore di mio marito.
Mi dividevo fra Eric e Patrick, ma in realtà li avrei voluti entrambi nello stesso letto insieme a me.
Più passava il tempo e più anche il solo pensare di privarmi di loro mi sembrava un abominio, una violenza, uno scempio contro natura, contro la mia stessa natura.
Sesso più sfrenato e dolcezza più sublime insieme, amore e desiderio fusi, talmente uniti da non distinguere più il confine fra l'uno e l'altro. Quanto amore c'era nella folle attrazione che provavo per loro? Quanto, in quella che loro sentivano per me?
Ero stanca, erano quasi ventiquattro ore che non chiudevo occhio, ma ero troppo inquieta per dormire. Decisi di farmi una doccia per rilassarmi un po'. Aprii le imposte, la brezza mattutina turbinò nella stanza scacciando l'aria logora che vi poltriva. La città dormiva ancora, immersa nella quiete irreale che precede il miracolo di un nuovo giorno. Mi parve di essere l'unico essere vivente sulla faccia della terra.
Mi spogliai gettando gli abiti sul letto e mi chiusi dentro la doccia.
L'acqua si tuffò sui miei capelli, mi solleticò i capezzoli e mi avvolse nel suo tepore. Sentii i muscoli sciogliersi e i nervi illanguidirsi sotto quel caldo massaggio.
Le parole di Eric mi ronzavano ancora nella testa, così come la sua voce calda e vellutata che mi faceva ancora fremere di desiderio come la prima volta che l'avevo sentita. Mi scivolava dentro come olio caldo e profumato che avvolgeva i miei sensi e penetrava nella mia carne fino a guizzare fra le mie cosce, schiudendo le porte delle mie più segrete voglie.
La folle notte appena trascorsa non era bastata a quietare la mia fame. Ne volevo sempre di più, non ero mai sazia. Bastava un nulla: una voce, un oggetto, un profumo o un pensiero per accendermi di desiderio, e non avevo pace fino a quando la mia orchidea non era soddisfatta. Lei aveva sempre la meglio. Era lei a guidarmi, a soggiogarmi ed io non potevo fare altro che ubbidire ad ogni suo ordine. Ero sua schiava.
Mi piaceva guardarla. Ero incantata dalla perfezione dei suoi anfratti.
Dalla notte in cui Patrick mi aveva fatto fare l'amore con me stessa davanti allo specchio, non avevo più smesso.
Me lo mettevo fra le gambe e ammiravo il mio sesso in tutta la sua voluttuosa lussuria. Guardavo le mie dita scorrere attraverso quegli anfratti, aprire i petali luccicanti di dolce miele e sparire inghiottiti dai famelici pertugi.
La mia fame era diventata tale che li violavo con qualsiasi cosa stuzzicasse la mia fantasia. Mi eccitava vedere gli oggetti più impensabili entrare e uscire dalla mia carne, aprire la bocca fra le mie gambe e sfamarla con sapori sempre nuovi. Ogni superficie regalava sensazioni diverse: quelle più lisce scorrevano come imbrattate d'olio, quelle più ruvide o gommose rendevano la penetrazione più lenta e stimolante. Nessun oggetto era uguale all'altro.
Ai miei occhi, il mondo era colmo, pieno zeppo di giocattoli erotici. 
Quel mattino non feci eccezioni.
Allungai la mano fra le gambe e carezzai la pelle calda e bagnata del mio sesso. Un gemito schizzò dalla mia gola.
Carezzai delicatamente le ali ancora chiuse e impazienti di spiccare il volo. Un fremito mi colse quando sfiorai i famelici lembi che sbucavano fra i petali. La brama di godere mi voleva costringere a tuffarmi sul clitoride, ma volevo allungare il piacere il più possibile, come mi aveva insegnato Patrick. Non volevo un orgasmo sbrigativo che sicuramente non mi avrebbe soddisfatta, ma ne volevo uno dirompente, scioccante, esplosivo.
Afferrai le grandi labbra con una mano, il clitoride schizzò fuori avido di carezze. Lo picchiettai, poi scivolai con un dito fra le ali ingigantendo le mie voglie.
Il miele riempiva quei meandri lussuriosi insieme all'acqua. Appoggiai un piede al muro allargando le gambe, presi il microfono della doccia e lo puntai fra le mie cosce. Il getto colpiva con foga la mia pelle. Decine di piccolissime mani che colpivano il mio fiore dissetandolo come una provvidenziale pioggia estiva.
Mi sedetti a terra quasi sdraiandomi e sollevai il bacino. Il mio frutto era pronto per ricevere tutto il piacere possibile.
Puntai il getto sul clitoride. Un grido di piacere si levò nel silenzio. La foga dell'acqua mi lasciò senza fiato.
Picchiettava, massaggiava, scivolava fra i petali, carezzava le fessure come un'insaziabile amante.
Allargai le labbra donandomi completamente all'acqua e violai la mia fessura con due dita.
I miei gemiti riecheggiavano nel silenzio, ma non mi bastava.
Afferrai la spazzola dal portaoggetti e avvicinai il manico allo stretto e pulsante pertugio. Premetti opponendomi alla timida resistenza e lo varcai. L'estasi mi rapì.

Il piacere cresceva e cresceva, lento e inesorabile, e avviluppava ogni pensiero, ogni respiro, fagocitando le mie ansie, i miei dubbi, le mie domande senza risposta, le mie paure e mi riempì di delizia e stordimento, finché dilagai nel delirio di un orgasmo che mi svuotò di tutto.






Un consiglio per ravvivare il desiderio? … Gli MMS!


Siamo sempre talmente immersi nell'affanno di una intensa giornata lavorativa, sobbarcata anche dai figli, dagli impegni, dalla palestra, dalla spesa ecc ... che spesso quando si torna a casa la sera si avrebbe solo voglia di infilarsi sotto le coperte .... e dormire.
Volete uscire dalla routine e rendere le vostre giornate molto più interessanti e divertenti e far sì che il vostro partner non veda l'ora di tornare a casa per zomparvi addosso? Sfruttate la tecnologia e inviategli durante il giorno qualche messaggino piccante, come per esempio SMS allusivi oppure scattatevi foto provocanti e inviategliele tramite MMS. Magari potete partire con contenuti un po' più soft per poi spingervi fin dove vi sentite a vostro agio - nel sesso tutto deve sempre essere voluto e mai forzato -, instaurando una specie di chat erotica col vostro partner ... Continua a leggere ...

Potete farvi degli autoscatti nel bagno dell'ufficio, nel camerino di un negozio, dirgli che siete in giro per la strada senza mutandine o tutto quello che stuzzica la sua e la vostra fantasia.
Divertitevi, liberate la fantasia e lasciate fuori dalla porta la timidezza. Considerateli come dei veri e propri preliminari, che allieteranno di parecchio le vostre giornate e renderanno ancor più bollente l'atmosfera in camera da letto ....

.... Continua ....

♥ www.diariodiunasognatrice.blogspot.com ♥
♥ www.sensualissimapassione.blogspot.com ♥