Archivi categoria: donna sul treno

Addio al Nubilato

Addio al nubilato

spylove_amante_fiera_full.jpg

addio al nubilato

«Ti chiedo scusa. Mi dispiace».

Non c’è giustizia per gli amanti. È una regola bastarda ma non preoccupa quanto male si fa all’altro.
Non c’è perdono. Con buona pace non si spiega, non si perde la faccia.

«Mi dispiace averti fatto male. Scusami!». Non pensavo di ferirti così tanto.
Amore è una parola magica, liberatoria, facile da pronunciare. Avevamo scelto di abolirla dal vocabolario.
Soltanto la nostra carne urlava. Sopraffatti dalle sue percosse non abbiamo conosciuto altro.
La carne è stata una padrona premurosa, tangibile il suo ruolo. Con attenzione ci procurava affetto.
La carne si impone.
Che sia maledetta! Lei ti ha trovato. Lei ha avuto bisogno di te.
Ma quando in gioco non ci sono sentimenti la sua leggerezza è insostenibile.
Viene fuori tutta, sensuale, con uno stato di grazia cambia spessore alle cose.
L’amore diventa impalpabile, rimane al confine tra le parole non dette e l’esistenza fisica dei corpi.
Noi siamo stati una coppia clandestina. Incontri che non c’erano mai perché non c’era tempo e non c’era modo. La sofferenza degli amanti che si difendono senza attacchi dell’amore.
Meglio il bisogno travolgente dell’altro, l’esigenza di vederlo e di toccarlo. C’era tutto nella corporeità.
Nella passione.
L’ideale corrisposto pienamente, quasi fosse un caso, ovunque andasse la ricerca. L’altro era una nostra proiezione, desiderio e innanzitutto amore di sé.
Tanta leggerezza e il cervello ha trovato soddisfazione, ha incontrato la persona giusta.
Finché «basta, non voglio più vederti…», ti alzi un mattino e pronto e imbandito sul tavolo trovi un caffè inacidito e un cartone di latte scaduto.
Senti che il cuore non ha più lo stesso ritmo mentre i ricordi balzano agli occhi, pesanti come mai avresti creduto.
Ecco qua, pensi, l’altro è il fortunato, il biglietto vincente.
Detesti che non sia successo prima, perché adesso sapresti cosa dire. Invece è il tempo a decidere dove andare e l’amore, questo sconosciuto, cominci a capire che faccia abbia soltanto quando ti blocchi alle mie parole.
Al momento non sai più nemmeno chi sei.
Non resisti, la paura ti fa impazzire e hai troppa voglia di toccarmi. Vuoi subito baciarmi.
Mi baci.
Sentire il tuo corpo vicino, la passione che scorre, il tuo respiro. È un momento straordinario e il sentimento si fa largo come da tempo gli sarebbe piaciuto ma non è mai successo. La carne ride del nostro incontro predestinato. Ma è tardi.
Il cielo ondeggia pericolosamente mentre mi rigiro e scappo.
Raggiungo l’altro lato della strada e sembra che i tuoi occhi abbiano un colore diverso. Una nota estenuante e indimenticabile.
La sensazione del tuo abbraccio è ancora così viva, sento il tuo profumo, il desiderio non sparisce eppure «questa volta non voglio!», spalanco la bocca e improvvisamente soffia un vento freddo. Me ne sto andando.
Ho fretta, la tua voce ancora dietro, me ne accorgo mentre corro.

Quando la notte torno a casa, da lui, voglio solamente dimenticare; ma ancora ci sei tu nel letto insieme a me.
Una dolcezza infinitamente triste.

Leggi anche ammanettata e scopata

Leggi anche donna sul treno

The post Addio al Nubilato appeared first on Racconti Erotici.

Donna sul treno

↓↓↓CLICCA SU MI PIACE 

Donna sul treno

donna sul treno.jpgIl capotreno ha fischiato…un ultimo balzo e riesco a entrare dentro prima che le porte si chiudano alle mie spalle. Ce l’ho fatta! Finalmente fra mezz’ora sono a casuccia dopo l’ennesima giornata schifosa.

Mi faccio spazio tra la gente, trovo un angolo dove poter appoggiare le spalle e mi avvicino a te, distratta tra le pagine di un libro che stai leggendo…

Basilica di San Paolo. Si aprono le porte ed entra altra gente. Siamo un po’ più stretti, più vicini. Il treno riparte e io mi ritrovo a sbirciare cosa stai leggendo…mi basta solo un colpo d’occhio per capire che la scena che stai immaginando è abbastanza spinta. Mi incuriosisci. Cerco di leggere rapidamente qualche passo e mi rendo conto che la tensione erotica è molto più alta. ‘…Le sue mani maschie scivolarono rapidamente sul suo sesso…’ Accidenti -penso- non avrei mai creduto di incontrare gente che legge queste cose in treno in modo così disinvolto.

Eur magliana. Ancora altra gente che pigia da fuori per entrare. Mannaggia ai treni che passano ogni 15 minuti! Mannaggia al servizio di merda che abbiamo!
Spingi che ti spingi ormai siamo stretti come sardine. Con un po’ di fastidio allontani gli occhi dal libro e cerchi una posizione più comoda nel groviglio di pendolari che ti stanno intorno. Finisci per metterti di spalle davanti a me…sento il tuo culetto strisciare sul mio pacco. Non l’hai fatto di proposito…? Con il beneficio del dubbio comincia la corsa del treno, e tu, malgrado la confusione, riprendi la tua lettura la’ dove avevi interrotto.
Il dondolio del treno, il caldo, il pensiero di quello che stai leggendo risvegliano il maiale che è in me. Non ho mai osato tanto, non ho mai rischiato tanto, sono combattuto. Ma la mia mano è più rapida della tempesta di pensieri della mia mente: ti sfioro il sedere…sembra quasi che non ti sia accorta di nulla.
Spingo sulla mano, le mie dita percorrono sulla stoffa le tue rotondità…te ne sei accorta! Ti blocchi, alzi la testa, ma non ti giri. Forse la tempesta di pensieri che un attimo prima scuoteva la mia mente adesso riempie il tuo cervello? Stai decidendo se sputtanarmi di fronte a tutti o se chiedermi cortesemente di smetterla?

Tor di valle. Scende poca gente. L’apertura delle porte abbassa un po la temperatura e rende l’aria un po più respirabile. Sei ancora davanti a me, tesa come una corda di violino. Non ho la più pallida idea di cosa potresti decidere di fare. Prima che il dubbio mi faccia precipitare nuovamente nella guerra di pensieri per quanto sto facendo, decido di insistere con le carezze. Con le dita arrivo al solco delle natiche e scendo giù, fino al bordo del tuo gonnellino.
Sposto rapidamente la stoffa. I collant e il cotone delle mutande sbarrano la strada alle mie dita.
Continuo a carezzarti da dietro, faccio scorrere la mano fino all’interno cosce…aspetto un tuo gesto di disapprovazione, una parola, una gomitata…nulla. Continui immobile, forse in modo impercettibile schiudi le gambe…
Voglio andare oltre, voglio scoprire fin dove posso spingermi con te. Torno indietro, a carezzarti i glutei, spingo le dita verso l’anca, poggio il palmo sul tuo ventre e ti tiro indietro.

Vitinia. Il treno indugia con le porte aperte un po’ più del solito. Forse qualcuno si è sentito male per il caldo, forse la calca non permette la discesa di chi è arrivato. Il tuo sedere adesso è entrato in pieno contatto con il mio bacino. Sono eccitato. Un’eccitazione che mi provoca l’erezione. Un’eccitazione che mi fa sudare freddo: ti sto molestando? Sono un pervertito? Le tue non-reazioni il tuo stare immobile mi uccidono di dubbi. Ruoto un po la mia mano, faccio scorrere le dita sopra il collant, scendo lentamente sul tuo pube. Sento tra le dita il calore delle tue cosce…forse sei fradicia la sotto…chissà. Continuo la mia lunga carezza fermandomi solo quando il tessuto sotto le mie dita cede morbidamente: sono arrivato allo spacco. Indugio sulla stoffa, premo un po e tu ti sciogli… Ecco finalmente dei chiari movimenti di approvazione: tiri un po indietro la testa e socchiudi le tue labbra…ti sta piacendo…e lo sento dal tuo respiro.

Casal Bernocchi. Adesso ti desidero come un pazzo, voglio regalarti pochi interminabili istanti di piacere. Ripercorro all’indietro la strada che mi ha portato tra le tue gambe, carezzo il tuo ventre, il tuo pancino. Ti cingo la vita, trovo l’elastico dei collant e delle mutandine, le mie dita sfiorano per la prima volta la tua pelle. Infilo la mano dentro e mi fermo un istante. Il mio palmo sulla tua pancia viene cullato dai movimenti del tuo respiro. Adesso posso percepire meglio il tuo affanno. Faccio nuovamente scorrere le dita verso il basso, il tuo pube sembra essere depilato, la strada per arrivare al piacere è priva di ostacoli.

Acilia. In un attimo i miei polpastrelli sfiorano il tuo clitoride. E’ gonfio e voglioso di piacere. Sei bagnata ed eccitata. Comincio a strofinare le mie dita sul tuo grilletto…un uhmmmm carico di piacere ti sfugge dalla bocca. Nessuno si è accorto di noi, nessuno ha notato quello che sta accadendo. Siamo soli tra l’indifferenza della gente che malgrado sia pigiata su di noi ci ignora. Le mie carezze si spostano lentamente verso il precipizio, verso le pieghe della carne più calde e vogliose. Spingo un dito dentro. Un secondo uhmmmm più lungo sfugge alla tua bocca.
Ti sto rovistando dentro. Il tuo bacino comincia una lenta danza e io ritorno a toccare le note che ti faranno toccare il cielo. Riprendo le carezze ritmiche sul tuo grilletto…i movimenti delle mie dita vengono amplificati in modo sempre più evidente dal tuo corpo. Il tuo corpo rapito dal piacere ansima.
Il treno frena bruscamente, una tua mano improvvisamente blocca la mia, ferma le mie dita e contemporaneamente le spinge decise. E’ l’orgasmo, che ti scuote, che cerchi di soffocare e mascherare come puoi per non farci scoprire.
Rimaniamo fermi mentre il treno riparte lentamente. Il tuo respiro diventa più regolare. Hai goduto. Tolgo lentamente la mano. L’avvicino al mio naso per sentire l’odore del tuo piacere. Furtivamente assaggio il tuo succo. Sono estasiato.

Ostia Antica. La gente che scende libera un po di spazio sul treno, finalmente l’aria è respirabile. Prima che possa fare o dire qualcosa ti giri, mi fissi negli occhi. Mi dai un bacio sulle labbra e con uno scatto scendi dal treno un’attimo prima che le porte si chiudano.

Chissa se e quando potrò riverderti ancora…

↓↓↓CLICCA SU MI PIACE 

 

The post Donna sul treno appeared first on Racconti Erotici.